Xagena Newsletter
Alliance Dermatologia & Dermocosmesi
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Rapid Risk Assessment dell'ECDC: Enterobatteri resistenti ai carbapenemi


Il Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ( ECDC ) di Stoccolma ha pubblicato il Rapid Risk Assessment ( RRA ) per aggiornare il rischio di diffusione degli Enterobatteri resistenti ai carbapenemi ( CRE ) nell'Unione Europea ( UE ) e nell'Area Economica Europea ( AEE ), rispetto al precedente RRA dello scorso anno.

La resistenza ai carbapenemi nei batteri appartenenti alla famiglia delle Enterobacteriaceae, come Klebsiella pneumoniae ed Escherichia coli, rappresenta una minaccia significativa per cittadini, i pazienti e i sistemi sanitari in tutti i Paesi dell'Unione Europea / Spazio economico europeo ( UE/SEE ).

Le infezioni da CRE sono associate ad alta mortalità, con tassi dal 30% al 75%, soprattutto in pazienti con infezioni del flusso sanguigno, principalmente a causa dei ritardi nella somministrazione di un trattamento efficace e della disponibilità limitata di opzioni terapeutiche efficaci.

Inoltre, sono stati segnalati ceppi di Klebsiella pneumoniae resistenti ai carbapenemi particolarmente virulenti, con un potenziale di diffusione globale.
Sebbene la resistenza antimicrobica sia rara nei ceppi di Klebsiella pneumoniae ipervirulenti, sono stati descritti isolati che combinano resistenza ai carbapenemi, elevata trasmissibilità e ipervirulenza, finora principalmente in Asia, con mortalità complessiva estremamente elevata ( 84% ).
I ceppi ipervirulenti di Klebsiella pneumoniae si stanno diffondendo nella comunità, causando gravi infezioni in individui giovani sani senza comorbosità.

I recenti eventi di importazione transfrontaliera dopo il trasferimento di pazienti, insieme ai grandi focolai regionali, nonché il peggioramento della situazione epidemiologica dei CRE nell'UE/SEE, hanno evidenziato l'elevato rischio di ulteriore diffusione e la necessità di maggiori sforzi di controllo.

Nel mondo, le regioni e i Paesi con la più alta prevalenza di CRE sono il subcontinente indiano ( NDM CRE ), Stati Uniti, Israele, Grecia e Italia ( KPC CRE ), Turchia, Medio Oriente e Nord Africa ( OXA-48 CRE ).
Per il Sud-est asiatico, sono state stimate percentuali di resistenza ai carbapenemi superiori al 5% per Klebsiella pneumoniae in Vietnam, Filippine, Indonesia e Tailandia e per E. coli in Myanmar e Indonesia.

La terapia di combinazione con due o più agenti attivi ha mostrato un beneficio in termini di sopravvivenza tra i pazienti con un'alta probabilità di morte.
Nel giugno 2016, è stata approvata dalla Commissione Europea Ceftazidima - Avibactam ( Zavicefta ), una nuova combinazione di antibiotici con attività contro le infezioni da CRE ( ad eccezione delle infezioni da metallo-beta-lattamasi che producono CRE, come NDM o VIM ), da utilizzare nell'Unione europea per il trattamento di infezioni complicate addominali, del tratto urinario, polmonite acquisita in ospedale ( inclusa la polmonite associata a ventilazione ) e le infezioni dovute a batteri Gram-negativi aerobici in cui le opzioni terapeutiche sono limitate. Alcuni risultati sono promettenti, sebbene vi siano preoccupazioni per lo sviluppo di resistenza.
Anche la combinazione Meropenem - Vaborbactam ( Vabomere ) è stata autorizzata nell'Unione Europea per le stesse indicazioni del Ceftazidime - Avibactam.
Ci sono ulteriori nuovi composti o combinazioni in sviluppo come Imipenem - Relebactam, Plazomicina, Cefiderocol, Eravaciclina e Aztreonam - Avibactam. ( Xagena Medicina )

Fonte. Ministero della Salute, 2019

Xagena_Salute_2019


Per aggiornamenti in Infettivologia: Infettivologia.net .net https://www.infettivologia.net/



Indietro