Alliance Cicatrici
Colifagina S
Forum Infettivologico
Alliance Dermatite

Il trattamento adiuvante con Nivolumab nel carcinoma uroteliale muscolo-invasivo ad alto rischio ha prodotto miglioramento della sopravvivenza libera da malattia


Dallo studio di fase 3 CheckMate -274 è emerso un miglioramento significativo della sopravvivenza libera da malattia ( DFS ) con Nivolumab ( Opdivo ) nel trattamento adiuvante di tutti i pazienti randomizzati con carcinoma uroteliale muscolo-invasivo ad alto rischio trattato chirurgicamente, e nel sottogruppo di pazienti con espressione tumorale di PD-L1 maggiore o uguale a 1%, raggiungendo entrambi gli endpoint primari dello studio.
CheckMate -274 è il primo studio di fase 3 ad esito favorevole che ha valutato un trattamento immunoterapico nel setting adiuvante del carcinoma uroteliale muscolo-invasivo.

Nivolumab ha quasi raddoppiato il tempo medio vissuto senza recidiva di malattia, dimostrando una sopravvivenza mediana libera da malattia di 21.0 mesi contro 10.9 mesi con placebo, con una riduzione del rischio del 30% ( hazard ratio [ HR ] 0.70; intervallo di confidenza [ IC ] 98.31%: 0.54-0.89; p inferiore a 0.001 ).
Nei pazienti con espressione tumorale di PD-L1 maggiore o uguale a 1%, Nivolumab ha ridotto il rischio di recidiva di malattia o di morte del 47%, con una mediana di sopravvivenza libera da malattia ( DFS ) non-raggiunta con Nivolumab contro 10.8 mesi con placebo ( HR=0.53; IC 98.87%: 0.34-0.84; p inferiore a 0.001 ).

Nivolumab ha anche dimostrato miglioramenti negli endpoint secondari chiave, inclusa la sopravvivenza libera da recidiva nel tratto non-uroteliale ( NUTRFS ), definita come il tempo in cui i pazienti vivono senza recidiva di malattia al di fuori di vescica, ureteri o pelvi renale.
Tra tutti i pazienti randomizzati, quelli trattati con Nivolumab hanno mostrato una mediana di NUTRFS superiore a 2 anni ( 24.6 mesi ), rispetto a 13.7 mesi con placebo ( HR=0.72; IC 95%: 0.58-0.89 ).
Nei pazienti con espressione tumorale di PD-L1 maggiore o uguale a 1%, la mediana di NUTRFS non è stata raggiunta con Nivolumab contro 10.9 mesi con placebo ( HR=0.54; IC 95%: 0.38-0.77 ).

Il profilo di sicurezza di Nivolumab è risultato in linea con quanto precedentemente riportato in studi su pazienti con tumori solidi.
Eventi avversi correlati al trattamento ( TRAE ) sono stati riscontrati nel 77.5% dei pazienti che hanno ricevuto Nivolumab contro il 55.5% con placebo, mentre TRAE di grado 3 o 4 sono stati osservati rispettivamente nel 17.9% versus 7.2% dei pazienti.

CheckMate -274 è uno studio randomizzato, in doppio cieco, multicentrico, di fase 3, di confronto tra Nivolumab e placebo nei pazienti con carcinoma uroteliale muscolo-invasivo ad alto rischio di recidiva dopo chirurgia radicale.
Sia i pazienti che hanno ricevuto chemioterapia neoadiuvante prima della resezione, sia quelli che non l’hanno ricevuta, erano eleggibili allo studio, e la somministrazione o meno del trattamento neoadiuvante con Cisplatino era un fattore di stratificazione.
In totale, 709 pazienti sono stati randomizzati in un rapporto 1:1 a ricevere Nivolumab 240 mg ogni due settimane oppure placebo, fino a un massimo di 1 anno.
Endpoint primari dello studio sono la sopravvivenza DFS in tutti i pazienti randomizzati ( popolazione intention-to-treat; ITT ) e nel sottogruppo di pazienti con espressione tumorale di PD-L1 maggiore o uguale a 1%. Endpoint secondari chiave erano rappresentati da: sopravvivenza globale, sopravvivenza libera da recidiva del tratto non-uroteliale e sopravvivenza malattia-specifica.

Il carcinoma uroteliale, che più frequentemente origina nelle cellule che ricoprono la parete interna della vescica, è il decimo tumore più comune al mondo, con circa 550.000 nuove diagnosi ogni anno.
Oltre alla vescica, il carcinoma uroteliale può manifestarsi in altre parti del tratto urinario, tra cui ureteri e pelvi renale.
La maggior parte dei carcinomi uroteliali è diagnosticata in stadio precoce, ma i tassi di recidiva e di progressione di malattia sono alti.
Più del 50% dei pazienti che si sottopongono a resezione radicale per il carcinoma uroteliale invasivo presentano recidiva di malattia.
Nei pazienti in cui la recidiva si presenta come tumore metastatico la prognosi è sfavorevole, e la mediana di sopravvivenza globale è di circa 12-14 mesi con la terapia sistemica. ( Xagena Medicina )

Fonte: American Society of Clinical Oncology ( ASCO ) Genitourinary Cancers Symposium, 2021

Xagena_Salute_2021


Aggiornamenti in Oncologia by Xagena: OncologiaMedica.net & OncologiaOnline.net & OncoGinecologia.net & OncoUrologia.it



Indietro