XagenaNewsletter
Xagena Mappa
Medical Meeting
Cardiobase

Sclerosi multipla, la proteina Rab32 un target terapeutico ?



La proteina Rab32 è presente in grandi quantità solo nel cervello dei pazienti con sclerosi multipla, mentre è virtualmente assente nei sani.
Questa proteina appare alterare i mitocondri delle persone colpite dalla sclerosi multipla.

La sclerosi multipla colpisce nel mondo circa 2.5 milioni di persone, soprattutto donne, e si manifesta tipicamente in soggetti giovani.
Al di là della natura autoimmunitaria della patologia, in cui le naturali difese dell'organismo iniziano ad attaccare la mielina, l'origine della malattia rimane non definito.
Si sospetta da tempo di un possibile coinvolgimento dei mitocondri.

Analizzando campioni di tessuto cerebrale umano, i ricercatori hanno scoperto una presenza consistente della proteina Rab32 soltanto nei pazienti affetti da sclerosi multipla.
E’ stato osservato che in presenza di Rab32, il reticolo endoplasmatico si avvicina troppo ai mitocondri. Ne risulta una cattiva comunicazione fra le centrali energetiche cellulari e le scorte di calcio, che indurrebbe i mitocondri a funzionare male producendo infine un effetto tossico sulle cellule cerebrali dei pazienti.

Non è stato ancora chiarito il meccanismo mediante il quale Rab32 agisce sui mitocondri, ma si ritiene che il problema possa aver origine proprio a livello del reticolo endoplasmatico cellulare.

L'idea è quella di utilizzare Rab32 come bersaglio da colpire, cercando al contempo eventuali altre proteine che potrebbero contribuire a innescare la patologia.

Lo studio è stato pubblicato sul Journal of Neuroinflammation. ( Xagena Medicina )

Fonte: University of Exeter Medical School, 2017

Xagena_Salute_2017


Per approfondimenti: SclerosiOnline.net http://www.sclerosionline.net/



Indietro