Xagena Mappa
Medical Meeting
Gastrobase.it
Mediexplorer.it

Carcinoma al polmone non-a-piccole cellule: sicurezza ed efficacia per [fam-] Trastuzumab Deruxtecan



Nel corso del Meeting IASLC ( International Association for the Study of Lung Cancer ) sul carcinoma polmonare, sono stati presentati i dati aggiornati di fase I su sicurezza ed efficacia per [fam-] Trastuzumab Deruxtecan, un farmaco anticorpo-coniugato ( ADC ) sperimentale anti-HER2, somministrato a un sottogruppo di pazienti affetti da carcinoma polmonare non-a-piccole cellule ( NSCLC ) con mutazione HER2 o espressione di HER2 pesantemente pretrattato.

Il nuovo farmaco ha dimostrato una risposta globale del 72.7% in 11 pazienti con mutazione HER2 già pretrattati e del 58.8% in 17 pazienti con mutazione HER2 o espressione di HER2, nonché un controllo della malattia rispettivamente del 100% e dell’88.2%.

La sovraespressione di HER2 nei tumori NSCLC, è associata a una prognosi sfavorevole e a una ridotta sopravvivenza globale ( OS ).

Le mutazioni HER2 sono state recentemente identificate come bersagli molecolari distinti per il tumore NSCLC, ma, attualmente, nessuna terapia è approvata specificamente per il carcinoma polmonare non-a-piccole cellule con mutazione HER2 o sovraespressione di HER2.

L’introduzione negli ultimi anni di terapie mirate e di inibitori del checkpoint immunologico ha migliorato il panorama di trattamento per i pazienti con tumore NSCLC metastatico, che in passato avevano limitate opzioni oltre alla chemioterapia sistemica.
Tuttavia, per quelli non-eleggibili ai trattamenti disponibili, o il cui cancro continua a progredire, sono necessari nuovi approcci che aiutino a gestire la malattia.

In una analisi aggiornata di un sottogruppo di 11 pazienti affetti da tumore NSCLC con mutazione HER2 riceventi una espansione di dose raccomandata di 6.4 mg/kg, [fam-] Trastuzumab Deruxtecan ha dimostrato una risposta globale confermata del 72.7% ( 8 pazienti su 11 ) e un controllo della malattia del 100% ( 11 pazienti su 11 ).
La stima preliminare della durata mediana della risposta ha raggiunto gli 11.5 mesi ( IC 95%: 0.03+, 11.5 ) e la sopravvivenza mediana libera da progressione ha raggiunto i 14.1 mesi ( IC 95%: 4.0+, 14.1 ) per questo sottogruppo di pazienti.

In una analisi aggiornata del sottogruppo di 17 pazienti affetti da tumore NSCLC con mutazione HER2 o espressione di HER2 ( definita come IHC maggiore o uguale a 1+ o amplificata ) pesantemente pretrattati, [fam-] Trastuzumab Deruxtecan ha dimostrato una risposta globale confermata del 58.8% ( 10 pazienti su 17 ) e un controllo della malattia dell’88.2% ( 15 pazienti su 17 ).
La stima preliminare della durata mediana della risposta ha raggiunto i 9.9 mesi ( IC 95%: 0.0+, 11.5 ) e la sopravvivenza mediana libera da progressione ha raggiunto i 14.1 mesi ( IC 95%: 0.9, 14.1 ).

Riguardo ai dati preliminari di sicurezza, gli eventi avversi più comuni ( superiore al 30%, qualsiasi grado ) comprendevano nausea ( 50.0% ), riduzione dell’appetito ( 50.0% ), alopecia ( 50.0% ), affaticamento ( 44.4% ) e vomito ( 38.9% ).
Gli eventi avversi di grado 3 comparsi in più del 10% dei pazienti comprendevano la riduzione del numero dei neutrofili ( 11.1% ).
Come già riportato in precedenza, in questa coorte si è osservato 1 evento di grado 5 di polmonite, giudicata non correlata a [fam-] Trastuzumab Deruxtecan da un Comitato di valutazione indipendente. ( Xagena Medicina )

Fonte: Daiichi Sankyo, 2018


Xagena_Salute_2018


Per aggiornamenti su Carcinoma al polmone: OncoPneumologia.it https://www.oncopneumologia.it/



Indietro