Xagena Mappa
Medical Meeting
Reumabase.it
Pneumobase.it

Apixaban associato a un significativamente più basso rischio di ictus o di embolia sistemica e basso tasso di sanguinamento maggiore rispetto a Warfarin



I risultati di una analisi dei dati del mondo reale del database Medicare confrontando il rischio di ictus o di embolia sistemica e il tasso di sanguinamento maggiore tra i pazienti con fibrillazione atriale non-valvolare che sono stati trattati con anticoagulanti orali ad azione diretta versus Warfarin ( Coumadin ) sono stati presentati all’American College of Cardiology ( ACC ) Annual Scientific Session a Washington, DC ( Stati Uniti ).
Nell'analisi, Apixaban ( Eliquis ) è risultato associato a un rischio significativamente più basso di ictus o di embolia sistemica e tasso inferiore di sanguinamento maggiore rispetto al Warfarin.

E’stata effettuata una analisi dei dati presenti nel database Medicare per i pazienti con fibrillazione atriale non-valvolare, di età uguale o superiore a 65 anni, a cui era stata prescritta la terapia anticoagulante orale nel periodo 2013-2014 ( n=186.132 ).
L'analisi ha incluso 41.606 pazienti trattati con Apixaban o Warfarin ( 20.803 pazienti in ciascuna delle coorti Apixaban e Warfarin ).
Le coorti Apixaban-Warfarin abbinate, seguite per una media di 5.7 e 6.5 mesi, rispettivamente, avevano un'età media di 78 anni, un punteggio CHA2DS2-VASc rispettivamente di 4.6 e 4.7, e un punteggio HAS-BLED di 3.3.
Il punteggio CHA2DS2-VASc è un metodo per stimare il rischio di ictus nei pazienti con fibrillazione atriale, e il punteggio HAS-BLED aiuta a valutare il rischio di sanguinamento maggiore nei pazienti con fibrillazione atriale.

Apixaban, in questa analisi, è risultato associato a un rischio significativamente più basso di ictus o di embolia sistemica ( hazard ratio, HR=0.40, IC 95%: 0.31-0.53; P inferiore a 0.0001 ) e a un più basso tasso di sanguinamento maggiore ( HR=0.51, IC 95%: 0.44-0.58; P inferiore a 0.0001 ), rispetto ai pazienti trattati con Warfarin.
I risultati della coorte Apixaban-Warfarin completano i risultati dello studio di fase 3 randomizzato ARISTOTLE ( Apixaban for Reduction In Stroke and Other ThromboemboLic Events in Atrial Fibrillation ).

Oltre alla coorte Apixaban, l’analisi della bancadati Medicare ha incluso coorti che hanno confrontato altri due anticoagulanti orali diretti ( Rivaroxaban [ Xarelto ] e Dabigatran [ Pradaxa ] ) separatamente con Warfarin.
L'analisi è stata condotta nei pazienti di 65 anni d’età o più anziani con fibrillazione atriale non-valvolare che non avevano ricevuto un anticoagulante orale per almeno un anno.
Sono stati esclusi i pazienti con evidenza di malattia valvolare cardiaca, fibrillazione atriale transitoria, tromboembolismo venoso, sostituzione valvolare o un intervento chirurgico o l'indicazione di gravidanza 12 mesi precedenti la data indice.

I dati del mondo reale integrano i dati degli studi clinici randomizzati, fornendo ulteriori informazioni sul comportamento di un farmaco nella pratica medica di routine.
Le analisi dei dati del mondo reale hanno diverse limitazioni. Ad esempio, l'origine e il tipo di dati utilizzati possono limitare la generalizzabilità dei risultati e degli endpoint.

Apixaban è un inibitore orale selettivo per il fattore Xa. Inibendo il fattore Xa, una proteina chiave della coagulazione del sangue, Apixaban riduce la generazione di trombina e la formazione di coaguli di sangue. ( Xagena Medicina )

Fonte: Pfizer 2017

Xagena_Salute_2017



Indietro